Auto ecologiche: la scelta

auto ecologicaElettriche, ibride o a biogas? Se hai deciso di investire in un’auto ecologica, l’analisi dei differenti modelli dal punto di vista della compatibilità ambientale è sia complicata che ridondante. L’alternativa che dimostrerà di essere la più popolare nel settore dei carburanti si candiderà a diventare lo standard dell’industria, quindi la maggior parte dei consumatori sceglierà semplicemente il prodotto più diffuso.

Un modo per valutare il successo dei principali tipi di motore verde è il mercato azionario. Le piazze d’investimento offrono sia un metodo di misurazione del valore attuale che, in prospettiva, una ragionevole stima sull’espansione futura di un prodotto. I principali artefici e fautori della ricerca e sviluppo sfociati nei motori di cui ci occupiamo qui sono tutti listati nella piazza azionaria di riferimento. Per avere una rapida idea sui prezzi di una data azione, puoi sfruttare il settore dei CFD, prodotti derivati che adottano il mercato azionario come sottostante. Clicca qui e scopri il valore di mercato di una casa automobilistica.

Veicoli elettrici
Considerata la beniamina del mondo delle auto elettriche, impossibile ignorare Tesla, il marchio che ha riscosso il successo maggiore nel settore dei carburanti alternativi. Nei quattro anni dalla quotazione in borsa, Tesla ha moltiplicato il suo valore per dieci. L’azienda americana ha diffuso l’ultima nota sui suoi profitti il 31 luglio. Prima dell’annuncio, i mercati si aspettavano un racconto dalle note tutte positive che non avrebbe retto benissimo alla prova analitica. Nonostante una buona performance generale, gli investitori si aspettavano una piccola perdita sul prezzo per azione. La valutazione dei titoli era però già inflazionata oltre ogni ragionevole considerazione, oltre 5000 volte il valore reale per azione rispetto ai profitti generati. Alla fine, i numeri d Tesla hanno fatto meglio di ogni attesa e il mercato azionario ha toccato un massimo di settore.
Tesla gode dell’entusiasmo e della fiducia degli investitori, che continuano a acquistare azioni pur sapendo che ad oggi sono molto sopravvalutate. Questo è un segnale importante. Secondo i mercati, il futuro dei motori verdi risiede nell’elettricità.

Veicoli ibridi.
Proprio come Tesla è sinonimo di auto elettrica (nonostante appartenga alla casa automobilistica Nissan il modello più venduto), il vasto pubblico identifica Toyota con i modelli ibridi grazie alla popolare Prius. Da 15 anni presente sul mercato, la Prius ha venduto un milione di esemplari nel corso della prima decade, per poi duplicare le vendite nei 5 anni successivi.
L’alta visibilità della Prius ha spinto in alto le azioni Toyota. Alla fine del 2011 il prezzo per azione era di 2565¥, oggi tocca il livello di 6137¥, in discesa della vetta dei 6500¥: parliamo di una rivalutazione del 140% in 4 anni. Per fare un paragone, nello stesso arco di tempo Nissan e Honda hanno conosciuto una crescita del 40%.

Biofuel
La Green Plains Renewable Energy produce etanolo dal 2004, ma è stata quotata solo nel 2007. La tempistica favorevole ha consentito loro di approfittare della crescente simpatia del pubblico statunitense per i bio-carburanti e per l’etanolo in particolare.
Nonostante il percorso tortuoso seguito all’IPO, negli ultimi 18 mesi Green Plains ha conosciuto una forte crescita. La quotazione è salita di oltre il 300% da marzo 2013, battendo di gran lunga la maggioranza dei competitor. I mercati sono chiaramente ottimisti sul futuro dei carburanti ecologici. A differenza di Tesla, però, le azioni Green Plains sono ancora quotate a un prezzo vicino ai profitti registrati. Sembra che i traders non riconoscano all’etanolo lo stesso potenziale dell’elettricità.